La tabella degli allenamenti comandava per ieri un bel lungo di 14km ad un ritmo di 6:10 al km. E come nelle migliori situazioni varie vicissitudini fanno saltare l’allenamento. Ma il lungo non si salta a piè pari e così stamattina accompagno la mia compagna al lavoro armato di vestiario, scarpe e zaino idrico.
Itinerario? Uhm, sono a Manarola e sul sito del Parco Nazionale delle Cinque Terre è segnalata una bella strada che va da Volastra al Santuario di Montenero. 8 km dicono. Per andare a Volastra saranno un 3 km e se non ricordo male 3 km anche la litoranea da Montenero. 14 km circa. Aggiudicato.


Carico lo zainetto di acqua, sono abituato e preparato ormai alle poche fontane, parcheggio la macchina e parto dalla rotonda di Manarola.
La salita di Volastra è terribile, riesco a malapena a stare sotto i 7 min/km e non sempre. E un’occhio lo devo sempre buttare al cielo che non è niente di buono. Dopo 2,8 km di salita arrivo a Volastra e giro per il cimitero. Ancora salita, anche se più dolce.
Passato il cimitero la strada diventa una meravigliosa tagliafuoco sterrata, un saliscendi continuo, ma leggero. Il panorama dev’essere spettacolare, ma non posso vederlo per un piccolo particolare: sono letteralmente in mezzo alle nubi. La strada è lunga e vedo i primi esseri umani solo quasi alla fine.
Arrivato all’incrocio dei sentieri prendo il sentiero per Montenero, cercandolo in mezzo alla nebbia. Poco dopo iniziano i primi segni di civiltà, le prime vigne, le prime case e finalmente il santuario. Le nuvole sono tali che vedo la facciata ma non il campanile. E qui sorge un problema: non ci sono mai stato e non so dove devo passare. Come se non bastasse attacca pure a piovere. Dopo un paio di tentativi trovo il sentiero e come in una fiaba spunta il sole. Che fa aumentare a dismisura il caldo e l’umidità già alta.
Metto i piedi sulla litoranea all’altezza di Riomaggiore e da qui è discesa. Strada asfaltata in discesa. Passo la galleria di Costa di Corniolo e arrivo all’auto.
eCoach sul palmare dice 15,7 km in 1:38:45 ad una media di 6:16 min/km. Leggermente più lento, ma considerando la distanza in più, il dislivello di 421 m (dislivello totale positivo di 675 m) e il tempo perso a Montenero, direi che va più che bene. Al prossimo allenamento
[map style=”width: 400px; height:300px; margin:20px 20px 20px 20px; border: 1px solid black;” maptype=”TERRAIN” gpx=”http://www.runningincinqueterre.it/wp-content/uploads/2012-09-26-Running.gpx”]


1 commento

roberto · gennaio 3, 2013 alle 12:18 pm

Complimenti mi sembra che hai ottenuto un ottimo tempo …

I commenti sono chiusi.